· 

"RACCOGLIMI", UNA GIORNATA BELLISSIMA

di Danilo D'Amico

 

Svegliarmi presto la mattina non è mai stato un problema, ma ieri mattina è stata piuttosto dura. Forse, o quasi sicuramente, è colpa mia...ultimamente gli amici me lo dicono spesso che non ho più l'età per bere, ma continuo costantemente a dimostrargli che sbagliano. Il problema è tutto al risveglio.

Specie se, all'arrivo a S.Antonio, con caffè di rito all'Onda Marina, Vincenzo fa di tutto per rovinarti il caffè sfogando tutta la sua "sovreccitazione"...ma tant'è, e avrebbe continuato così per tutto il giorno.

 

Monia e Maria erano già lì, Guido, Patrizia e Silverio, con a seguito i loro cani, ci avrebbero raggiunto da lì a poco. Una volta tutti insieme siamo partiti alla volta della strada Panoramica in compagnia della  Presidente del Circolo "Attivamente Ponza", Sara Mazzella. Il nostro compito era fare tutto il giro. Era da tempo immemore che non camminavo così tanto...

 

Fare un resoconto di cosa abbiamo trovato e delle quantità è superfluo. Dirò solo che avremmo potuto rifarci il guardaroba, arredare case e anche costruircele. Insomma, c'è stato di che vergognarsi per come viene trattata l'Isola che, a parole, dicono tutti di amare, ma c'è stato di che divertirsi! Ve lo immaginate un Vincenzo che resta muto di fronte al ritrovamento di alcune mutandine o di un "condom"? No, neanche noi.

Ho provato a dire a Sara di non aizzarlo o dargli corda, ma nulla...lei e Guido hanno provveduto a farlo continuare nel tenerci allegri. Se per un momento non lo sentivi più era perchè si era infilato in qualche buco..letteralmente! Eccolo lì, dentro un canale di scolo tipo speleologo. Per poi risalire come Spiderman...o forse come Guido. Già...e chi lo avrebbe detto che sarei riuscito a vedere la versione agile di un Guido Vitiello. Io che ero abituato a vederlo sempre composto, ebbene è successo anche questo. Certo non si poteva lasciare qualche busta o bottiglia qua e là solo perchè dovevi rischiare di "romperti il collo".

 

In tutto questo non vedevo l'ora di raggiungere la mia amica Assunta Scarpati, certo che una pausa caffè avrebbe fatto bene a tutto il gruppo e che Assunta, vera ponzese, ci avrebbe aperto le porte.

 

"Avanti o popolo, alla riscossa, bandiera rossa, trionferà"...non potevo chiamarla in altro modo, anche a costo di provocarmi una leggera irritazione cutanea per aver cantato quel motivetto sotto casa sua, ma poco importa. Eccomi salire le scale, entrare e:

<<Compagna, buongiorno. Non ti abbraccio che sto uno schifo, ma un caffè te lo possiamo scroccare?>>

<<Come no Danilo, fai salire tutti!>>

Ho visto l'intero gruppo precipitarsi, chiamandoli dal balcone, su in casa. Poi il dramma. Vincenzo aveva comprato i cornetti...ma nessuno ne voleva...o quasi.

Il nonno mi ha insegnato a non buttare via nulla e allora li ho mangiati...tutti e quattro i rimanenti. Inutile dire che Maria mi ha fotografato e puntualmente sputtanato inviando le foto a destra e a manca.

Ripartiti da casa di Assunta abbiamo ripreso la raccolta. Il sole picchiettava e Patrizia e Silverio erano sempre più felici di questa scampagnata. Indubbiamente Silverio Mazzella, "Cumarella", è stato il più anziano ad aver partecipato a questa giornata e vedere in lui e la moglie la gioia e la grinta di due ragazzini è stato meraviglioso. Per loro è stata dura, certo, ma sicuramente gratificante.

 

In tutto il giro credo, senza esagerare, che più di trenta sacchi della spazzatura, oltre naturalmente alle "sorpresine varie", li abbiamo tolti dalla strada e alla fine della giornata eravamo tutti stanchi ma appagati.

Senza alcun problema la nostra Associazione parteciperà volentieri ad ogni iniziativa del genere, sempre. Non faccio parte di quella schiera di persone che predicano il loro amore per Ponza per poi restare in disparte se c'è bisogno di aiuto. Penso a chi ha denigrato l'acquisto dell'autolettiga, a chi si è rifiutato di firmare la Petizione "Ponza, una strada per la Dignità", a chi ieri non era in strada con noi ma dietro ad un computer pronto a vomitare altre assurdità.

 

"Punto di Svolta" c'era ed ha risposto "presente" ai ragazzi di "Attivamente Ponza". Finchè ci sarò io, il Direttivo e tutti gli Associati che mi seguono,  "Punto di Svolta" continuerà ad essere presente. Voglio citare Padre Salvatore quando, in occasione della raccolta fondi per l'autolettiga, disse: il bene non ha colore. Ebbene, la giornata di ieri non ha avuto colore. Solo tanti cittadini che hanno dimostrato che l'amore per Ponza non lo si predica dietro ad uno schermo, ma sul campo! Sul campo come fa Sara Mazzella e i ragazzi di "Attivamente Ponza".

Sul campo come faccio io e "Punto di Svolta".

Scrivi commento

Commenti: 0