· 

'U SCOGLIE RUSS

di Silverio Mazzella 

 

Verso la fine degli anni 90, quando fece quel tempaccio che ruppe la roccia a Cala Fonte, io avevo a mare 4 gruppi di rete a granceola, ne avevo 1 a scirocco della piana di mezzo, 1 a scirocco dello scoglio rosso di Zannone e 2 nel “frev i zannone” sempre lato sud. Questi 2 erano ad un centinaio di metri di distanza ed erano paralleli.

 

Passato il cattivo tempo uscii per recuperare il tutto. Arrivato alla piana vidi ambedue i petagni, ne fui contento e proseguii. Allo scoglio rosso non vidi un petagno, ma ne vidi uno al largo pensai che quello a riva si era spezzato e quello al largo aveva tenuto. Non tirai, il mio pensiero era per gli altri 2 che certamente erano stati più esposti alla mareggiata e poi erano calati con la direzione tutta aperta al mare.

 

Arrivato vidi i 4 petagni a poche decine di metri l'uno dall'altro. Presi uno ed iniziai a tirare, normalmente e per esperienza metto cime che iniziano dal fine ma dopo una trentina di metri uso il 12 di diametro ed a volte anche il 14.

 

Man mano che tiravo il peso aumentava. Per fortuna riuscii a prendere la cima doppia, il peso era diventato enorme, il gozzo aveva la prua a pelo d'acqua e la poppa fuori dall'acqua. Quando finalmente riuscii a mettere la stazza a bordo il petagno era talmente forzato che sembrava uno da 8 mm e non da 12, credevo si sarebbe spezzato. Una volta che avevo la stazza a bordo fermai il salpa rete per meglio controllare la situazione, sotto era tutto torbido. Vidi una chiazza marrone la cui circonferenza superava i 10 metri quadri, era più grande del gozzo.

 

Mi rassegnai al fatto che io mai e poi mai avrei potuto tirare le reti. Pensai che solo la paranza avrebbe potuto farlo. Allora preparai un altro petagno, lo legai alla rete e la calai lentamente col salparete. Ritornai allo scoglio rosso e afferrai il petagno, secondo me le reti dovevano andare verso lo scoglio, invece avevo la prua verso il largo. Praticamente le reti erano state spostate dal mare di un chilometro e quello che io credevo fosse il petagno di fuori in realtà era quello di terra. Poi andai alla piana e tirai anche le altri reti.

 

PS foto gentilmente concessa da Giovanni Pacifico

Scrivi commento

Commenti: 0