· 

50 SFUMATURE DI PONZA

di Danilo D'Amico

 

Ponza è sul serio un'Isola a dir poco "singolare", è un luogo dove i fatti reali diventano chiacchiere e le chiacchiere diventano fatti reali. Chiacchiere che cercherò di analizzare nel modo più preciso possibile, non tanto per inseguire i "burloni" sul loro terreno - non vincerei mai, verrei battuto dalla loro esperienza in materia - ma perchè non riesco proprio a tacere di fronte alle bugie o a girarmi dall'altra parte di fronte alle ingiustizie.

 

CHIACCHIERE SULLA POSTA

Si diceva che la Posta a Le Forna sarebbe stata riaperta entro fine Febbraio (inizialmente erano 20 giorni) e che la soluzione al problema era imminente. Io inseguivo le chimere.

FATTI REALI

Fin ad ora non ci sono segni di miglioramento, se non tanto altro chiacchiericcio. E' rimasto un solo postino che non riesce a smaltire la grande mole di lavoro. Svolge turni di lavoro di anche 12 ore giornaliere e a breve gli scadrà il contratto. Molta posta, specie quella di Le Forna, torna indietro e spesso e volentieri sono bollette. Al Sindaco è stato chiesto di intervenire sollecitando, magari, Poste Italiane per far assumere un altro postino, ma la risposta è stata: "Non è di mia competenza". Altro consueto lavaggio di mani del nostro Ponzio Ferraiuolo. Il ragazzo che saltuariamente viene per distribuire la posta a Le Forna non sa dove sbattere la testa. Essendo la nostra toponomastica quasi completamente assente e non essendo del posto , la posta, il poveretto, la lascia spesso al passante di turno affinchè provveda lui a consegnarla.

 

CHIACCHIERE SULL'AMBULANZA

La sta facendo il comune. La mia iniziativa è lodevole ma inutile.

FATTI REALI

Potrà anche esser vero ma non un atto è stato prodotto a testimoniarlo. Solo il mio "aver preso il toro per le corna" li ha spinti all'azione e ad ogni modo si sono ricordati in campagna elettorale dopo mesi di silenzio e i tentativi di screditarci sono evidenti. Registro due fatti curiosi: l'educazione del Cons. Carlo Marcone che ha provveduto a sbattere la porta in faccia al nostro Silverio "Cummarella" al grido di <<No basta!>> e più di qualche concittadino che ci ha riferito che un Consigliere li ha diffidati dal donare soldi insinuando che noi li stiamo rubando. Al Cons. Marcone dico che il suo comportamento è da gran maleducato, Silverio non sapeva che lui abitasse lì e ad ogni modo bastava semplicemente dire, con educazione se possibile: No grazie...(anzi, il grazie togliamolo, sarebbe troppo pretenderlo) Riformulo: No Silverio, come puoi ben capire non intendo donare. All'altro Cons. dico che se le voci dovessero persistere provvederò immediatamente a denunciarlo.

 

Nota positiva, ma non troppo: questa mattina ho trovato sotto la porta di casa mia una busta con dei soldi e una lettera proveniente, a quanto pare, "dagli abitanti di Via Montagnone" per la piccola ambulanza. Evidentemente la paura di ritorsioni è tanta se si arriva a tanto, ma vorrei dire che non c'è ne bisogno. Prego queste persone di farsi avanti senza problemi perchè a me e ai miei amici piace fare tutto alla "luce del sole".  Voglio che venga rilasciata una ricevuta, se entro domani mattina ciò non dovesse accadere provvederò a far emettere una ricevuta "anonima" per tenere in ordine la nostra contabilità di Associazione.

 

CHIACCHIERE SU DI ME

Sono le mie preferite. Sto scoprendo cose su di me che neanche io sapevo! Le elenco per chi non le avesse già sentite: ho commesso degli atti vandalici, ho appiccato degli incendi e ho fatto delle rapine. Dello stermino degli ebrei non sono, stranamente, accusato.

FATTI REALI

La mia Fedina Penale parla chiaro: immacolata. Un solo processo affrontato, dal quale sono uscito più candido di prima, per aver percosso un nostro concittadino che mi disse: Sono contento che tua sorella è morta.

 

Le altre 47 sfumature sono ancora più assurde, ve le risparmio.

Scrivi commento

Commenti: 0