· 

I "WEBETI" NOSTRANI

di Danilo D'Amico 

 

Se Gianni Morandi è il re della bontà e il miglior pacificatore sociale della storia di Facebook, capace di raccogliere ogni giorno migliaia di commenti senza polemiche né forti contrasti, Enrico Mentana si è guadagnato il ruolo diametralmente opposto di fustigatore dell’ignorante social, complottardo e razzista. Le gustose frustate dialettiche agli utenti che commentano i suoi interventi su Facebook con bufale, false notizie o invocazioni salviniane alle ruspe sono già diventate un feticcio intellettuale, meritevole come tale di celebrazione in una pagina monotematica sullo stesso social network.

 

Anche noi a Ponza abbiamo i nostri. Pochi, i soliti, ma ognuno di loro fa per due (spesso è proprio così visto l'abbondare di profili falsi). La maggior parte di questi ebeti del web (da qui la parola webeti), anche dementi rende bene l'idea dei personaggi in questione, ha sostenuto la stessa compagine politica e sono d'accordo sulle tematiche scottanti: Porto, Zannone, Acqua Latina e Demanio. Ditemi, voi lettori, se ho "azzeccato" i temi più scottanti.

 

Sono questi cerebrolesi la causa delle tante falsità postate sul social, sono il motivo per cui molta gente si è stufata di aprire facebook e trovarci le solite "bagarre" da stadio. Tutti, nessuno escluso.

 

Noi facciamo informazione (che piaccia o no) e smontiamo le bugie che vengono raccontate dai vari "Racconta Balle di Ponza" (e questo a molti sicuro non piace).

 

Si, perchè ad alcuni membri - in vista o meno - di questa fragile maggioranza (ma forse era meglio dire accozzaglia) faceva comodo quando erano solo loro a "raccontare la verità", fa comodo avere questi "webeti" che postano puttanate di dimensioni "bibliche" e mi dispiace per loro se gli abbiamo rovinato la festa.

 

Una festa, che a onor del vero, si rovinano da soli con le cose che postano. Assurdità di un tale livello di stupidaggine che neanche fossero dei bimbi-minchia...o forse evidentemente si.

 

A queste macchiette, che sono sicuro si reputano superiori per natura ed intelligenza, dico: "Grazie". Senza di voi guarderei le mummie riesumate per l'occasione e piangerei, invece una risata di gusto la vostra demenza me la fa sempre fare.

Scrivi commento

Commenti: 0