· 

LA MARINELLA DEI MORTI

di Vincenzo Lorusso 

 

Una piccolissima spiaggia tra le zone di Giancos e S.Maria, riparata - nascosta direi - da sguardi indiscreti. Sembra quasi dimenticata, anche ora che della grandissima parte delle coste ponzesi, per ovvie ragioni, è tappezzata di cartelli su cui è scritto il divieto di balneazione.

 

Mi capitava, quando ero bambino, di soffermarmici per pochi minuti, il tempo necessario per raccogliere i "rufoli" (lumache di mare) da usare come esca per pescare a bolentino quando uscivo in barca con mio nonno Catello, e poi via verso la Ravia per calare le lenze in mare.

 

Già all'epoca questa spiaggetta sembrava abbandonata, anzi inesistente, agli occhi di turisti e non...e non riuscivo a spiegarmi il motivo.

Ricordo che rimasi impietrito quando nonno mi spiegò il perchè di questo nome ad una spiaggia così graziosa, "Marinella dei Morti"...

 

 

Era la spiaggia dove arrivavano - citando De Andrè - "i cadaveri dei soldati trasportati in braccio dalla corrente". Peccato che ancora non "scendano i lucci argentati" e che, forse, diverrà solo un altro luogo dove assicurare la propria barca da impetuose mareggiate...

Scrivi commento

Commenti: 0